Cosa è un codice Sdi?

Iscrizione eLearning con codice

L’interfaccia digitale seriale (SDI) è una famiglia di interfacce video digitali standardizzate per la prima volta dalla SMPTE (The Society of Motion Picture and Television Engineers) nel 1989.[1][2] Per esempio, ITU-R BT.656 e SMPTE 259M definiscono le interfacce video digitali utilizzate per il video broadcast-grade. Uno standard correlato, noto come interfaccia digitale seriale ad alta definizione (HD-SDI), è standardizzato in SMPTE 292M; questo fornisce una velocità di trasmissione dati nominale di 1,485 Gbit/s.[3]

Ulteriori standard SDI sono stati introdotti per supportare risoluzioni video crescenti (HD, UHD e oltre), frame rate, video stereoscopico (3D),[4][5] e profondità di colore.[6] HD-SDI a doppio link consiste in una coppia di link SMPTE 292M, standardizzati da SMPTE 372M nel 1998;[2] questo fornisce un’interfaccia nominale di 2,970 Gbit/s usata in applicazioni (come il cinema digitale o HDTV 1080P) che richiedono una maggiore fedeltà e risoluzione rispetto a quanto l’HDTV standard può fornire. 3G-SDI (standardizzato in SMPTE 424M) consiste in un singolo link seriale da 2,970 Gbit/s che permette di sostituire il doppio link HD-SDI. Gli standard 6G-SDI e 12G-SDI sono stati pubblicati il 19 marzo 2015.[7][8]

Connessioni video HDMI Vs SDI – Conoscere la differenza

L’Italia è sempre stata considerata un paese con requisiti di conformità IVA complessi ed esigenti. Il primo rapporto transazionale italiano dettagliato era chiamato Spesometro. In quella relazione, i contribuenti erano obbligati a fornire dati sulle loro fatture di vendita e di acquisto.

  A quale gruppo bancario appartiene UniCredit?

Nel 2019 è stato introdotto lo SdI. Questo è stato uno dei primissimi obblighi di segnalazione in tempo reale in Europa. SdI segue il cosiddetto modello di clearance, il che significa che le fatture emesse dovevano essere pre-approvate dalle autorità fiscali (Agenzia Entrate) prima di poter essere inviate ai clienti. Una volta che lo SdI è entrato in vigore, l’obbligo dello Spesometro è stato abolito.

Tuttavia, le fatture di esportazione non erano inizialmente coperte dallo SdI. Pertanto, fu introdotto il rapporto Esterometro. Esterometro era molto simile allo Spesometro, ma riguardava esclusivamente le fatture estere.

Infine, nel 2021, fu introdotta Fattura 1.6.1. Fattura descrive la struttura tecnica XML e il contenuto delle fatture trasmesse tramite SdI. La nuova versione di Fattura contiene una serie di campi rilevanti che permettono la segnalazione delle fatture esportate. Ecco un link al nostro articolo dettagliato su Fattura 1.6.1. (e FatturaPA 1.3.1 per le transazioni B2G).

Come acquistare e generare codici eLearning online

Nei primi quattro giorni del 2019 sono state emesse 2,8 milioni di fatture, create da 120.000 professionisti. La percentuale di errori annunciata dall’Agenzia delle Entrate si attesta intorno al 6%, ed è principalmente attribuibile a errori di compilazione delle fatture.

Il codice destinatario permette di ricevere le fatture automaticamente. In alternativa, è possibile scegliere di ricevere le fatture tramite posta elettronica certificata, informando l’Agenzia delle Entrate tramite la stessa sezione del sito.

  Cosa vende Leroy Merlin?

Prima di tutto, le aziende devono essere in grado di creare fatture in XML. I file non devono superare i 5MB e devono essere firmati digitalmente o da un registrar accreditato e certificato dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) o attraverso la Carta Nazionale dei Servizi (ottenuta presso la locale Camera di Commercio).

In secondo luogo, le imprese devono dotarsi di un software di fatturazione elettronica in grado di gestire i dati necessari alla fatturazione e di generare e trasmettere i file XML al Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate.

Le fatture vengono firmate digitalmente e inviate al Sistema di Interscambio, che procede alla loro convalida. Una volta accettate dal Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate, le fatture vengono consegnate ai destinatari utilizzando il Codice Destinatario o l’indirizzo di posta elettronica certificata fornito.

Sdi italia

L’Italia ha introdotto l’obbligo di emettere e comunicare in tempo reale le fatture di vendita elettroniche a partire dal 1° gennaio 2019. Tutte le fatture rilevanti devono essere emesse e presentate alla piattaforma di fatturazione elettronica dell’Agenzia delle Entrate, Sistema di Interscambio (SdI). La misura è stata richiesta per le vendite agli enti pubblici dal giugno 2014.

SdI agisce effettivamente come un portale di approvazione delle fatture, assicurando che tutte le transazioni imponibili siano verificate dal vivo dalle autorità fiscali italiane. La comunicazione SdI era già un requisito per le transazioni B2G (Business to Government bodies).

  Dove si possono vedere i bilanci delle aziende?

Le fatture elettroniche XML, PDF, JPG e TXT devono essere presentate su una base simile a quella già utilizzata per le fatture inviate agli enti governativi (B2G), in base al decreto italiano n. 55 o a standard UE simili. Le fatture includeranno una firma digitale. I dettagli delle fatture all’interno degli ERP esistenti o delle piattaforme di fatturazione dovranno quindi essere estratti, convertiti e trasmessi a SdI. La fattura approvata viene poi trasmessa da SdI al cliente. Qualsiasi fattura rifiutata può essere entro 5 giorni dalla notifica del rifiuto.

Federico Ricci

Sono Federico Ricci, scrittore nel tempo libero, appassionato di sport e nuove tecnologie.

Esta web utiliza cookies propias para su correcto funcionamiento. Al hacer clic en el botón Aceptar, acepta el uso de estas tecnologías y el procesamiento de tus datos para estos propósitos.
Privacidad